Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito usa cookie di analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente

Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Per saperne di piu'

Approvo

Comunicati Stampa

lineeguida agid 900x444Il Ministero dello sviluppo economico (link is external) ha pubblicato la nuova versione del portale istituzionale seguendo le Linee guida di design per i siti web della pubblica amministrazione sviluppate dall’Agenzia per l’Italia Digitale. Il comune di Qualiano ha deciso quindi di dare nuova veste grafica al proprio sito istituzionale in linea con le indicazioni fornite da AGID.

NOTA STAMPA 106/17
Il sindaco De Luca, ricorda che è in vigore un’ordinanza sindacale che prevede multe salate, ma che è impossibile controllare tutti ed allora si appella al senso di responsabilità dei cittadini

Voglio ricordare ai miei concittadini che a Qualiano vige un’ordinanza sindacale, che vieta lo sparo dei fuochi d’artificio, ma che durante la notte del 31 Dicembre, è umanamente impossibile, per le FF.OO. controllare tutti coloro, che sparano. Per questo invito i miei concittadini ad evitare proprio di accendere i fuochi d’artificio. Il Capodanno può essere festeggiato non necessariamente con i botti, che tra l’altro, oltre a fare male alle persone, terrorizzano gli animali, che vanno protetti come i bambini.” Anche quest’anno torna l’appello di Ludovico De Luca, Primo cittadino di Qualiano, che rivolge un accorato invito ai propri concittadini affinché compiano un atto di civiltà rinunciando ai botti, petardi e qualsiasi altro artificio pirotecnico, che può mettere in pericolo le persone, l’ambiente e gli animali. L’ordinanza sindacale N.142 dello scorso 28/7/2017 fa una disamina dell’uso incontrollato dei giochi pirotecnici, nella maggior parte dei casi accesi senza l'adozione delle precauzioni di base, per prevenire ed evitare pericoli e danni, alle persone, agli animali ed all'ambiente. L’Ordinanza sindacale in vigore, vieta assolutamente l'accensione, il lancio e lo sparo di fuochi d'artificio, mortaretti, petardi, bombette, su tutto il territorio del Comune di Qualiano ed in modo incontrollato. Solo con una richiesta scritta, motivata ed in particolari manifestazioni vi potranno essere delle deroghe, perché il principio è ridurre a minimo, se non a zero, i rumori ed i danni provenienti dall’esplosione di fuochi d’artificio. La violazione dell’Ordinanza, comporta una multa che va dai 50,00 ai 300,00 euro. I genitori o chi è responsabile, risponderà della violazione commessa da un figlio o un minore in generale. L’osservanza dell’Ordinanza come prevede la norma, è demandata alla Polizia Municipale ed alle Forze dell'Ordine, ma se ciò è possibile nei giorni “normali”, risulta davvero impossibile a Capodanno quando le strade si trasformano in una polveriera.
Anche quest’anno, accanto all’ordinanza, vi è stata una campagna di sensibilizzazione, per informare, in particolare gli adolescenti qualianesi, sui rischi e sull’uso pericoloso dei botti e fuochi d’artificio illegali, quelli che vengono venduti di nascosto e non attraverso la normale filiera del settore. L’iniziativa degli Artificieri del Corpo dei Carabinieri si è tenuta negli ultimi mesi nelle scuole di Qualiano. Ai più giovani è stata spiegata la pericolosità dei fuochi pirotecnici, affinché stiano lontano dai botti, specialmente da quelli inesplosi e che i ragazzi raccolgono la mattina di Capodanno, per provare a riaccenderli. E’ questo il giorno delle feste che fa più mutilati. Ed allora anche quest’anno occorre pensarci prima, per non piangere dopo: “Non farti prendere la mano: butta i botti!

UFFICIO STAMPA

Angela Fabozzi

25994648_10213065041654911_3261620616259351306_n.jpg

NOTA STAMPA 104/17
VORAGINE PIAZZA DE GASPERI, “MAI ABBASSARE LA GUARDIA SULLA SICUREZZA”
L’affermazione dell’on. Ciaramella, fa comprendere quanto il percorso di intervento sul “buco” e sul suo destino siano stato attenzionato da tecnici, politici ed amministratori locali. Il sindaco De Luca: “La piazza sarà riqualificata e tornerà a disposizione dei cittadini”

Ho ripetuto più volte che il problema delle cavità riguarda tutto il sottosuolo di Qualiano ed è nostro dovere lasciare una porta aperta, per garantire le ispezioni, per la messa in sicurezza di tutto il territorio. Con questo intervento, inoltre, i cittadini ritorneranno ad avere la possibilità di vivere una riqualificata Piazza De Gasperi anche se con una ridotta viabilità veicolare, proprio per evitare le vibrazione dovute al transito delle vetture.” Lo ha detto il sindaco Ludovico De Luca, tra le altre cose nel corso del simbolico taglio del nastro, per l’inizio del lavori di messa in sicurezza della voragine di piazza De Gasperi il cui intervento è partito questa mattina con una colossale pulizia visto che la zona intorno, nonostante le transenne, era diventata una pattumiera con accumulo di immondizia e buste di spazzatura, probabilmente di qualche campione del “lancio del sacchetto”.
Il taglio del nastro e l’impegno della Regione Campania, che ha finanziato i lavori, è stato sancito da una presenza istituzionale sovracomunale, l’onorevole Maria Antonietta Ciaramella, della Commissione regionale competente: “Mai abbassare la guardia in fatto di sicurezza dei cittadini.- ha detto il Consigliere regionale- L’intervento di questa mattina qui a Qualiano è frutto e sintesi di un ragionamento e di una scelta condivisa dopo tanti confronti tra tecnici, politici ed amministratori locali. Il recupero di uno spazio è prova dell’efficienza di un’Amministrazione, che si pone l’obiettivo di riqualificare uno spazio pubblico e nello stesso tempo di tenere a mente la sicurezza del sottosuolo.- e concludendo- Il ruolo della Regione è stato quello di seguire l’iter burocratico, che è stato il vero scoglio da superare, ma se siamo qui è perché ce l’abbiamo fatta!”
Ricordiamo che a causa di un “occhio di monte”, nell’Agosto del 2015, piazza De Gasperi sprofondò. I rilievi fatti nell’immediato, anche grazie all’intervento di speleologi, confermarono che non vi erano pericoli, per le costruzioni vicine, ma che sotto quella piazza e sotto tutta Qualiano c’è davvero un mondo da scoprire e nel caso valorizzare, che sarebbe l’obiettivo finale dell’Amministrazione De Luca, che alla Regione ha presentato anche un altro progetto, per 700mila euro. Questa mattina, dunque, a quello che rappresenta davvero un momento storico per Qualiano, erano presenti tanti cittadini e gli Amministratori locali, che hanno a cuore la sicurezza del territorio.

UFFICIO STAMPA

Angela Fabozzi

25498263_10212984441119948_2685841582799258110_n.jpg

 

25353957_10212984438399880_1730002739819511055_n.jpg

25498444_10212984438599885_1919519049740856295_n.jpg

 

NOTA STAMPA 105/17
La strada era stata chiusa in via precauzionale, a causa di un fabbricato pericolante. Il sindaco De Luca: “Abbiamo dato tempo ai proprietari di mettere in sicurezza il palazzo”

“Finalmente i residenti di via Monsignor Savarese possono ritornare a transitate nella loro strada. Hanno sicuramente avuto dei disagi, ma abbiamo dato tempo ai proprietari del fabbricato di metterlo in sicurezza. Era sicuramente per loro una spesa non prevista e ci è voluto qualche mese, per arrivare al capolinea anche di quest’ulteriore emergenza. Ringrazio anche i residenti della zona, che sono stati pazienti ed hanno atteso comprendendo il perché del ritardo”. Il sindaco Ludovico De Luca, nella tarda mattinata di oggi è andato di persona in via Monsignor Savarese, riaperta al traffico veicolare. Ricordiamo che l’importante via del centro storico, per motivi di sicurezza, fu chiusa verso la metà di ottobre scorso. Da un vecchio palazzo, che si trova nella strada ubicata nel primo nucleo abitativo di Qualiano, vennero giù delle tegole e calcinacci ed immediatamente la via fu transennata, per evitare probabili tragedie, visto che il fabbricato era pericolante da una ventina di anni. Contestualmente, iniziò anche il percorso, per la messa in sicurezza dello stabile con la convocazione dei legittimi proprietari del palazzo e l’invito ad intervenire per il consolidamento del fabbricato. Sicuramente una spesa non prevista per i proprietari, che hanno, però, aderito all’invito del Comune, che avrebbe agito in danno se non fossero intervenuti, proprio perché al primo posto va messa la sicurezza di tutti i residenti, che hanno vissuto un paio di mesi di disagi, fortunatamente terminati. Da oggi, infatti, l’importante strada della cosiddetta zona di “Abbascio ‘e putec”, è stata riaperta al traffico veicolare.

UFFICIO STAMPA

Angela Fabozzi

25550170_10213012212454214_2407153342511560597_n.jpg

NOTA STAMPA 103/17
QUALIANO VORAGINE PIAZZA DE GASPERI, LUNEDI’ INIZIANO I LAVORI
E’ arrivata al capolinea una tribolata vicenda partita il 3 agosto del 2015. Il sindaco De Luca: “Abbiamo affermato un principio importante: gli interventi di messa in sicurezza del sottosuolo sono di competenza regionale”

Lunedì iniziano i lavori in piazza De Gasperi. A partire dalle ore 08,00, la ditta esecutrice dei lavori allestirà il cantiere, che imporrà l’interdizione al traffico veicolare, nella via e nella piazza, dal lunedì al venerdì dalle ore 08,00 alle ore 17,00. Un avviso è stato affisso nella zona, per avvertire i residenti ed è stata fatta comunicazione alle attività al pubblico ubicate nella zona. Alle ore 10,00, poi, un simbolico taglio del nastro alla presenza dell’on. Maria Antonietta Ciaramella, del sindaco Ludovico De Luca, dell’assessore Davide Morgera e dei rappresentanti dell’Amministrazione.
Finalmente iniziano i lavori alla voragine di piazza De Gasperi, che dal quel famigerato 3 Agosto del 2015, è stato l’argomento di discussione più gettonato e più “sfruttato”, dai detrattori dell’Amministrazione, che mi onoro di guidare e che ha lavorato sodo, senza risparmiarsi mai. Questo risultato è solo il sigillo di tanti sacrifici nonostante gratuite critiche. I miei ringraziamenti vanno all’on. Ciaramella, che ci ha sostenuto e ci è stata vicina in questi due anni, ed a tutti i componenti della mia Amministrazione che non ha mai chinato il capo nonostante le critiche feroci, ma gratuite di tanti. -Il sindaco Ludovico De Luca è un fiume in piena nel commentare l’inizio dei lavori di messa in sicurezza dello sprofondamento di piazza De Gasperi- Nonostante le tante difficoltà, che sono intervenute in questi due anni, ce l’abbiamo fatta affermando un principio e portando a casa un risultato amministrativo notevole. Il principio importante è che: gli interventi di messa in sicurezza del sottosuolo sono di competenza regionale. Il risultato: i costi di questo intervento sono a carico della Regione Campania. Penso che la mia squadra abbia lavorato bene ed ha fatto gli interessi di tutta la collettività.
Ricordiamo che a causa di un “occhio di monte”, nell’Agosto del 2015 piazza De Gasperi sprofondò. I rilievi fatti nell’immediato, anche grazie all’intervento di speleologi, confermarono che non vi erano pericoli, per le costruzioni vicine, ma che sotto quella piazza e sotto tutta Qualiano c’è davvero un mondo da scoprire e nel caso valorizzare. L’intervento, che partirà lunedì, sarà una “porta”, per garantire ispezioni e monitoraggio del sottosuolo. La cavità, infatti, non verrà “tombata” con una colata di cemento, ma coperta con una lastra di acciaio rimovibile, per poter accedere in qualunque momento al sottosuolo e continuare ad ispezionare e mappare cosa c’è sotto Qualiano. Il progetto, prevede, infatti, una riqualificazione dell’area di superficie, un nuovo dispositivo veicolare per ridurre il volume delle vetture in transito e le conseguenti vibrazioni, che si ripercuotono nel sottosuolo.
Ci saranno dei disagi per i residenti ai quali chiediamo di portare pazienza perché in pochi mesi la piazza potrà essere di nuovo utilizzabile da tutti.- sottolinea l’assessore Davide Morgera, con delega ai Lavori Pubblici- Abbiamo fatto un grande lavoro di squadra tra Qualiano e la Regione, dove l’on. Ciaramella ha dimostrato tutta la sua vicinanza istituzionale.”
Proprio il disagio provocato dalla voragine, intanto, sarà riconosciuto sotto forma di sgravio fiscale per i cittadini del Centro storico, residenti nel reticolo di strade che hanno visto una riduzione del traffico veicolare, dovuto anche alla difficoltà di raggiungere i negozi che sono in quella parte del territorio. Sarà compito della Commissione consiliare competente composta da consiglieri di Maggioranza e Minoranza, valutare in che modo e in che misura fa risparmiare i cittadini ed inserire l’emendamento nel Bilancio del 2018.

UFFICIO STAMPA

Angela Fabozzi